Cerca sul blog

Categorie

AREA TECNICA

Produttori

Consigli per il tuo Orto Biologico domestico

Pubblicato : 18/06/2020 08:51:04
Categorie : NEWS

In un orto domestico tutti vorrebbero un un prodotto a residuo zero.

Esistono, però, diverse insidie per il nostro raccolto che vanno scongiurate e quindi conosciute.

In caso di abbondanti piogge, ad esempio, il problema maggiore che ne deriva è quello della peronospora, per la quale bisogna intervenire il prima possibile.
Un prodotto che consigliamo per lo scopo è l'Azul S-CU (libera vendita), un concime ammesso anche in biologico, a base di solfato di rame e zolfo.

Il solfato di rame ha una funzione sistemica e servirà a bloccare la peronospora, mentre lo zolfo ha una buona azione verso l'oidio e funziona bene

come repellente rispetto al ragnetto.

Un'altra problematica che potrebbe presentarsi in un orto domestico è l'afide e a tal riguardo la nostra soluzione verte su Flipper, un prodotto

registrato in biologico (patentino necessario), che funziona molto bene per contatto. Sarà quindi necessario bagnare bene la vegetazione per avere

un buon risultato.

Il Flipper funziona bene anche contro il tripide e contro il ragnetto.

Tra i problemi che si annoverano in un orto ci sono anche le tanto temute larve dei lepidotteri:  In particolare, sul pomodoro,  la tuta absoluta che

provoca non pochi danni.

Un Insetticida biologico contro la tuta absoluta che da ottimi risultati è il bacillus thurgiensis, sottospecie Kurstaki, particolarmente indicata

contro questo lepidottero.

E' importante posizionare bene un intervento del genere perché il bacillus thurgiensis rimarrà sulle foglie per poco tempo, soprattutto con le

temperature alte, quindi è fondamentale monitorare gli attacchi con delle trappole specifiche per la tuta absoluta .

Potremmo, poi,  immaginare di utilizzare l'arma della cattura massale anche in un piccolo orto.

In questa maniera, con soli 3 o al massimo 4 prodotti riusciremo ad avere una difesa completa e a fare un orto di qualità senza residui all'interno

del frutto.

Condividi questo contenuto

Devi essere registrato

Clicca qui per registrarti

Aggiungi un commento