Cerca sul blog

Categorie

AREA TECNICA

Produttori

Vita e ambiente sono un binomio inscindibile: l'umanità deve saper ricucire strappi, attivare giusti e adeguati rapporti, deve sviluppare sistemi d'interazione e di solidarietà con l'ambiente e prendere coscienza che non è padrona dell'Universo, che non può imporre le sue leggi.
E' un dovere assoluto e non più differibile, ci uniamo al coro oramai mondiale che reclama provvedimenti a favore dell'ambiente, e nel nostro piccolo abbiamo deciso di adottare, e con l'esempio suggerire, comportamenti e tecniche rispettosi dell'ambiente.
La popolazione mondiale utilizza più risorse di quanto può permettersi, il nostro stile di vita non è sostenibile: consumiamo troppo e il nostro Pianeta, presto, esaurirà le risorse necessarie alla vita.
L'uomo con la sua azione non lascia indifferente la natura, lascia un'impronta che dobbiamo saper valutare per agire in modo conservativo delle risorse che la natura stessa ci ha messo a disposizione, in modo da lasciare spazio vitale e risorse alle successive generazioni, ai nostri figli.
Negli ultimi 20 anni in Europa il consumo di risorse è aumentato del 33% procapite. In Italia ogni persona consuma risorse sufficienti a due persone, in Francia a tre, negli Stati Uniti molto di più. Solo modificando abitudini e adottando stili di vita consapevoli riusciremo a stabilire un equilibrio con la natura che ci permetterà di conservare la vita su questo pianeta.

La nostra Mission

Solo con la consapevolezza di quanto dobbiamo fare, la conoscenza di quanto possiamo fare e la coscienza di cosa non fare potremo raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati.
Siamo natura e nella natura troveremo il nostro nutrimento, la natura si prenderà cura di noi, attraverso il cibo manterremo il rapporto con la natura nostra madre.

Siamo operatori nel mondo agricolo

La nostra azienda e le aziende associate, servendosi dell'esperienza maturata in anni di lavoro, di una costante ricerca, osservazione e monitoraggio, sono quotidianamente impegnate nella realizzazione di modelli e sistemi di coltivazione che tengono rigidamente conto dell'interazione e dell'impatto sull'ambiente e sulla biodiversità.

Immaginiamo la Natura come un super-laboratorio che produce tutto ciò di cui necessitiamo, ma quello che più perseguiamo è la produzione di alimenti che siano medicina per chi se ne ciba.
Riconosciamo l'importanza del suolo, perché il suolo è Bios, e da qui la nostra convinzione che le piante, perché portino in loro tutta la potenza di Natura e tutte le virtù nutraceutiche che Natura dona, devono vivere nella terra, non fuori-suolo e nè idroponica.
L'origine della vita è nella terra, secondo la genesi Dio fece l'uomo dal fango della terra.
Noi del gruppo Sherena vogliamo essere portatori di un modello di impresa che faccia convivere armoniosamente profitto e sostenibilità.
Siamo impegnarti in questa Mission, che propugna un uso non predatorio della natura e delle sue risorse e che si fonda sulla convinzione che coltivare la terra sia prima di tutto rigenerare, mai distruggere. Crediamo che la natura, sapientemente gestita, ci possa fornire i mezzi per difenderla, per nutrirci e curarci, senza violentarla.
A tal proposito ci siamo dotati di un codice di autoregolamentazione che sostiene e identifica la nostra VISION:

a) Sostenibilità ambientale
Uso razionale della terra coltivata, uso razionale dell'acqua, rigida riduzione dei mezzi chimici, meno energia fossile, meno immissioni di co2.

b) Centralità del cliente e della natura
Produzioni rispettose della salute e delle preferenze del consumatore, produzione mirata e programmata, ridurre o evitare sprechi.

c) Innovazione tecniche
Contenere i costi delle produzioni, impiegando mezzi tecnici capaci di dare di più spendendo meno.

A tal fine abbiamo selezionato e stiamo utilizzando prodotti che ci aiutano al conseguimento degli obiettivi prefissati, ovvero:

Biostimolanti--> sono sostanze estratte dalle piante e microrganismi utilizzati per arricchire e migliorare la rizosfera che è la parte vitale del suolo entro cui le radici svolgono tutte le loro funzioni vitali, favorendo quindi crescita e sviluppo della pianta durante il ciclo di vita. Sono sostanze diverse dai fertilizzanti che mettono a disposizione macro e microelementi utili alla crescita. Un suolo povero di microrganismi e di sostanza organica mal utilizza gli elementi minerali che,seppur presenti nel suolo, la pianta non riesce ad assimilare. Per ottenere frutta sana e con tutte le virtù neutracetiche utili e necessarie alla salute del consumatore, occorre che il biota, nel terreno in cui crescono, sia ricco di elementi minerali ma essenzialmente la rizosfera ricca e vitale. I biostimolanti includono varie formulazioni di materiali organici, quali sostanze umiche, proteine idrolizzate, estratti di alghe che, applicate alla pianta e al terreno, sono in grado di regolare e/o incrementare i processi fisiologici delle colture migliorando l'efficienza del sistema nel suo insieme, rendendo le piante più sane, più resistenti e in grado quindi di difendersi da stress biotici e abiotici.

- Induttori di resistenza--> le piante hanno la capacità di attuare strategie miranti a creare simbiosi con altri essere viventi, vedi i colori del fiore e il nettare per attrarre e compensare insetti utili per l'impollinazione e quindi per la sopravvivenza e propagazione della specie. Gli esempi sarebbero infiniti. Al contempo le piante sono capaci di attuare strategie di difesa contro insetti dannosi che si nutrono o divorano parti vitali della pianta. O anche difendersi da stress abiotici quali la temperatura e il clima in generale. Esistono delle sostanze di origine naturale e vegetale che stimolano questa resistenza o che creano condizioni esterne per la difesa della vegetazione.

Microrganismi nel suolo--> sono miliardi di batteri e funghi che popolano la rizosfera, vengono moltiplicati e prodotti in ambienti protetti e specifici, sono capaci di migliorare la biosfera e al contempo apportare equilibrio a scapito di funghi e batteri dannosi che hanno preso il sopravvento e aggrediscono e danneggiano le piante coltivate. L'impiego di questi organismi in agricoltura comporta, considerando l'azione che svolgono nel terreno, netto miglioramento in favore della salute del consumatore e dell'ambiente. Sono utilissimi per migliorare l'attività microbica del terreno.

Insetti utili (entomoparassiti)--> sono insetti, funghi, batteri già presenti in natura che vengono riprodotti, coltivati o allevati in particolari favorevoli condizioni artificiali e reintrodotti nell'ecosistema in numero preponderante. Essi limitano e controllano l'azione di parassiti dannosi. 

- Attivatori biologici--> sono sostanze di origine vegetale in grado di attivare o esaltare delle particolari attività della pianta. Usualmente innescano i processi naturali di autodifesa della pianta promuovendo modificazioni biochimiche tipiche dell'attivazione biologica naturale. Sono miscele complesse di microrganismi selezionati in natura, enzimi e speciali biocatalizzatori che, una volta rilasciati nell'ecosistema, svolgono il duplice ruolo di inoculi di microrganismi utili e modulatori dell'attività microbiologica del substrato. Loro apportano flora microbica utile e svolgono un'efficace attività di stimolo e modulazione di tutta la popolazione microbica utile. I più importanti attivatori biologici sono i
PGPR, promotori dello sviluppo e della crescita delle piante. Vivono e si sviluppano attorno alle radici delle piante rilasciando sostanze utili come i fitormoni, responsabili della divisione e della distensione cellulare, che stimolano la crescita delle radici e dell'apparato aereo.


Domande e risposte