Cerca sul blog

Categorie

AREA TECNICA

Produttori

Coltivare i Funghi con prodotti ammessi in Agricoltura Biologica

Pubblicato : 05/02/2019 20:32:59
Categorie : NEWS

come coltivare i funghi

Come migliorare la coltivazione dei funghi

L'irrigazione è la pratica più importante e delicata che determina la buona riuscita di una coltivazione di funghi.
Consigliamo di adottare un impianto di irrigazione con dei nebulizzatori dotati di antigoccia, che bloccano istantaneamente, a fine irrigazione, la fuoriuscita di acqua ed evitano il gocciolamento sulla fungaia. L'irrigazione si potrà fare anche più volte al giorno se il clima è asciutto, e bisognerà controllare che lo strato di terriccio sia tutto adeguatamente umido. 

Per un'irrigazione efficiente bisognerà tenere conto sempre delle condizioni climatiche esterne diminuendo o aumentando la quantità di acqua e la frequenza di irrigazione, garantendo una umidità relativa all'interno della fungaia attorno al 70%.

Importante anche la scelta di un terriccio adeguato, innanzitutto sterilizzato e quindi esente da batteri e funghi dannosi, per prevenire il rischio di sviluppo di parassiti fungini e batterici molto pericolosi e difficili da combattere.
Di buona qualità sono alcuni terricci specifici di HUMIFLORA o TERCOMPOSTI


Patologie Fungine e batteriosi nelle fungaie

Spesso nelle fungaie il substrato porta funghi della famiglia trichoderma (nei vari ceppi); la presenza si manifesta con la comparsa di macchie biancastre con al centro una macchia di colore verde che mano a mano occupa tutto lo spazio e diventa tutta di colore verde.
Per evitare l'insorgere di questa patologia è bene effettuare un trattamento preventivo sul terriccio di copertura dei pani con AMYLO-X BIOGARD alla dose di 200 cc per 100 litri di acqua, che ha solo azione preventiva.

Se il fungo è già comparso effettuare un primo trattamento con BIOBACTER alla dose di 250 cc in 100 litri di acqua, effettuando una buona bagnatura del terriccio, pochi millimetri, cercando di non bagnare il panetto. Spruzzato direttamente sulle zone infestate dal trichoderma, riuscirà ad eliminarlo.
Dopo questo intervento si dovrà effettuare (dopo un paio di giorni) un trattamento con AMYLO-X a 200 gr in 100 litri di acqua, per prevenirne l'insorgenza.

In ogni caso è buona prassi effettuare sempre un trattamento preventivo con Biobacter prima del trattamento con Amylo-X. In questo modo si bonificherà il terriccio in caso di presenza di funghi patogeni.

Insetticidi ammessi in BIO e trappole cromotropiche

L'insetticida ammesso in Agricoltura Biologica che consigliamo per abbattere gli adulti di ditteri e moscerini che spesso popolano le fungaie è il SOLABIOL NEEMAZAL, a base di azadiractina. Inoltre consigliamo l'applicazione delle trappole cromotropiche gialle, in modo da catturare il maggior numero di insetti. Ricordiamo che è disponibile anche una colla spray per ripristinare l'adesività delle trappole, quando queste avranno perso adesività.

In caso di presenza di larve di ditteri si può impiegare con successo ENTONEM KOPPERT. Deve essere applicato direttamente sulla fungaia e sui funghi.
ENTONEM contiene nematodi vivi, i quali cercheranno attivamente e parassitizzeranno portando alla morte le larve di ditteri, interrompendo il ciclo riproduttivo e i successivi attacchi.

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)